CLASSIFICAZIONE DEI TRIANGOLI RISPETTO AI LATI E RISPETTO AGLI ANGOLI

Per comprendere meglio questo argomento, leggi prima le seguenti lezioni:
 

Nelle lezioni precedenti abbiamo appreso che i TRIANGOLI possono essere CLASSIFICATI secondo i LATI e secondo gli ANGOLI.

Secondo i LATI distinguiamo i triangoli in:

  • SCALENI;
  • ISOSCELI;
  • EQUILATERI.

Secondo gli ANGOLI distinguiamo i triangoli in:

  • ACUTANGOLI;
  • RETTANGOLI;
  • OTTUSANGOLI.

Vediamo ora come si possono classificare i triangoli sia rispetto ai lati che rispetto agli angoli.

Ad esempio, un triangolo con due lati congruenti (cioè un triangolo isoscele) come può avere gli angoli? Oppure un triangolo con tutti e tre gli angoli congruenti (cioè un triangolo acutangolo) come può avere i lati?



Per rispondere a queste domanda riportiamo di seguito una tabella che ci illustra le diverse modalità con cui, in un triangolo, si possono combinare lati ed angoli.



Classificazione dei triangoli rispetto ai lati e rispetto agli angoli



Come si legge la tabella? Facciamo alcuni esempi.

Un triangolo scaleno può essere sia acutangolo, che rettangolo, che ottusangolo:

Classificazione dei triangoli rispetto ai lati e rispetto agli angoli



Un triangolo acutangolo può essere sia scaleno, che isoscele, che equilatero:

Classificazione dei triangoli rispetto ai lati e rispetto agli angoli



Un triangolo equilatero può essere solamente acutangolo:

Classificazione dei triangoli rispetto ai lati e rispetto agli angoli



E così via.

 
 
 
Il nostro sito collabora ad una ricerca condotta dall'Università dell'Aquila e dall'Università di Pavia sulla didattica della matematica. Ti saremmo grati se volessi dedicarci alcuni minuti rispondendo ad un breve questionario.

Compila il questionario


SchedeDiGeografia.net
StoriaFacile.net
EconomiAziendale.net
DirittoEconomia.net
LeMieScienze.net
MarchegianiOnLine.net