LezioniDiMatematica.net

 
 
 
  Torna alla Home page del sitoIscriviti alla nostra newsletter per essere informato sugli aggiornamenti del sitoContattaci       
     

          

     
     

 

RIPARTI PROPORZIONALI COMPOSTI INVERSI

 

Per comprendere  

 

Vediamo ora come si risolvono i RIPARTI PROPORZIONALI COMPOSTI INVERSI.

Ricordiamo che in questo tipo di riparto il numero da dividere viene suddiviso in parti INVERSAMENTE PROPORZIONALI a DUE o PIU' GRANDEZZE.

 

Vediamo il seguente esempio:

un benefattore decide di dividere tra tre famiglie bisognose la somma di 30.000 euro. Tale somma viene ripartita in proporzione inversa sia alle entrate mensili di ciascuna famiglia che al numero dei componenti abili al lavoro.

Determinare la somma erogata a ciascuna famiglia sapendo che:

  • la prima famiglia ha entrate mensili di 500 euro e 2 persone abili al lavoro;

  • la seconda famiglia ha entrate mensili di 450 euro e 1 persona abile al lavoro;

  • la terza famiglia ha entrate mensili di 650 euro e 3 persone abili al lavoro.

 

La grandezza da ripartire, che chiamiamo S, è la somma di 30.000 euro. Quindi:

S = 30.000.

Tale somma va ripartita tra le tre famiglie in proporzione inversa sia alle entrate mensili che al numero di persone abili al lavoro presenti in famiglia.

Quindi ci troviamo di fronte ad un PROBLEMA di RIPARTIZIONE COMPOSTA INVERSA. Infatti il compenso viene ripartito in parti proporzionali a più di una grandezza: le entrate mensili e il numero di persone abili al lavoro. Inoltre esso deve essere suddiviso in parti inversamente proporzionali a tali grandezze.

Vediamo come possiamo risolvere questo tipo di problema.

Dobbiamo calcolare tre numeri, che chiamiamo x y e z, tali che la loro somma sia pari a 30.000 e che siano inversamente proporzionali sia a 500, a 450 e a 650 che a 2, 1, 3.

Quindi possiamo scrivere:

x + y + z = 30.000.

Inoltre

somma erogata x y z
entrate mensili 500 450 650
persone abili al lavoro 2 1 3

tali che la somma erogata sia INVERSAMENTE PROPORZIONALE sia alle entrate mensili che alle persone abili al lavoro presenti in famiglia.

 

Possiamo allora ripartire la somma erogata in maniera inversamente proporzionale al prodotto tra entrate mensili e persone abili al lavoro:

somma erogata x y z
entrate mensili 500 450 650
persone abili al lavoro 2 1 3
entrate x persone 500 x 2 = 1.000 450 x 1 = 450 650 x 3 = 1.950

 

Avremo allora:

x : 1/1.000 = y : 1/450 = z : 1/1.950.

 

Ma noi sappiamo che in una SERIE DI RAPPORTI UGUALI la SOMMA DEGLI ANTECEDENTI sta alla SOMMA DEI CONSEGUENTI come UN ANTECEDENTE sta al SUO CONSEGUENTE.

Quindi possiamo scrivere:

(x + y + z) : (1/1.000 + 1/450 + 1/1.950) = x : 1/1.000

(x + y + z) : (1/1.000 + 1/450 + 1/1.950) = x : 1/450

(x + y + z) : (1/1.000 + 1/450 + 1/1.950) = x : 1/1.950.

 

Ma dato che noi sappiamo che 

x + y + z = 30.000

avremo:

30.000 : (1/1.000 + 1/450 + 1/1.950) = x : 1/1.000

30.000 : (1/1.000 + 1/450 + 1/1.950) = x : 1/450

30.000 : (1/1.000 + 1/450 + 1/1.950) = x : 1/1.950.

 

Quindi troviamo i valori di x, y e z:

 

Riparti proporzionali composti inversi

 

Ora osserviamo le formule scritte sopra:

  • 30.000 è il valore di S, cioè il numero che dobbiamo ripartire;

  • S deve essere ripartito in maniera inversamente proporzionale a 1.000, 450 e 1.950. Questi tre valori sono  rispettivamente il prodotto tra reddito mensile e numero dei familiari abili al lavoro. Allora chiamiamo

  • a il reddito mensile della prima famiglia e m il numero dei familiari abili al lavoro della prima famiglia e di conseguenza 

1.000 = a x m

  • b il reddito mensile della seconda famiglia e n il numero dei familiari abili al lavoro della seconda famiglia e di conseguenza  

450 = b x n

  • c il reddito mensile della terza famiglia e p il numero dei familiari abili al lavoro della terza famiglia e di conseguenza  

1.950 = c x p.

 

Le tre formule viste sopra le possiamo allora scrivere nel modo seguente:

 

Riparti proporzionali composti inversi

 

Notiamo che queste formule hanno tutte una parte comune che prende il nome di COEFFICIENTE DI RIPARTO.

 

Coefficiente di riparto

 

Quindi i RIPARTI COMPOSTI INVERSI si risolvono MOLTIPLICANDO il COEFFICIENTE DI RIPARTO per il RECIPROCO del PRODOTTO delle DIVERSE GRANDEZZE CONOSCIUTE in base alle quali occorre effettuare il riparto.

 

Tornando all'esempio precedente, avremmo potuto risolvere il problema così:

Coefficiente di riparto

 

 

Notiamo che la somma dei tre valori ottenuti x (8.032), y (17.849) e z (4.119) è pari a 30.000.

 

 

Per comprendere

Tutte le altre lezioni su corrispondenze e proporzionalità diretta e indiretta

 

 

 

Lezioni, Esercitazioni e Approfondimenti di matematica e geometria

MATEMATICA:

GEOMETRIA:

GEOMETRIA ANALITICA:

 

 

 
 
www.SchedeDiGeografia.net

wwwStoriaFacile.net

www.EconomiAziendale.net

www.DirittoEconomia.net

www.LeMieScienze

www.MarchegianiOnLine.net

 

 

Il significato dei principali simboli usati in matematica e geometria

I nostri ebook

 

 

 

 

 

 

 


 

Ripetizioni on line di Economia Aziendale

 


Altro materiale presente presente su LezioniDiMatematica.net
Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681