LE GRANDEZZE

Per comprendere meglio questo argomento, leggi prima le seguenti lezioni:
 

Immaginiamo di avere un sacchetto di patate. Ora possiamo immaginare un sacchetto di patate che abbia un peso doppio rispetto al precedente.

Prendiamo un pezzo di stoffa. Possiamo immaginare un pezzo di stoffa che abbia una lunghezza doppia rispetto alla precedente.

In questi e in altri casi ci troviamo di fronte a delle GRANDEZZE: il PESO del sacchetto di patate, la LUNGHEZZA del pezzo di stoffa.

L'espressione GRANDEZZA è genericamente utilizzata per indicare QUALCOSA che può essere RADDOPPIATO. Nei nostri esempi abbiamo parlato di peso, di lunghezza, ma si potrà trattare anche di capacità, di volume, di area, di angoli, ecc..

Due lunghezze, due angoli, due superfici, si dicono GRANDEZZE OMOGENEE. Quindi, con l'espressione GRANDEZZE OMOGENEE intendiamo delle GRANDEZZE della STESSA SPECIE.

Due lunghezze sono tra loro confrontabili, lo stessa dicasi per due angoli, due segmenti, due superfici, ecc.. Quindi due GRANDEZZE OMOGENEE sono tra loro CONFRONTABILI.

Le GRANDEZZE OMOGENEE possono essere tra loro SOMMATE, in modo da ottenere una grandezza MULTIPLA rispetto a quella data.

Osserviamo il disegno riportato sotto.

CD multiplo di AB



Abbiamo due segmenti:

  • il segmento AB
e
  • il segmento CD.

Il segmento CD è pari a 3 volte il segmento AB: quindi esso è MULTIPLO di AB.



Osserviamo, ora, un'altra immagine.

CD sottomultiplo di AB



Il segmento AB può essere diviso in tante parti uguali. Ad esempio, dividiamo il segmento AB in cinque parti uguali e, chiamiamo ognuna di queste, CD.



Il segmento CD è SOTTOMULTIPLO del segmento AB.

 
 
 
Il nostro sito collabora ad una ricerca condotta dall'Università dell'Aquila e dall'Università di Pavia sulla didattica della matematica. Ti saremmo grati se volessi dedicarci alcuni minuti rispondendo ad un breve questionario.

Compila il questionario


SchedeDiGeografia.net
StoriaFacile.net
EconomiAziendale.net
DirittoEconomia.net
LeMieScienze.net
MarchegianiOnLine.net