LezioniDiMatematica.net

 
 
 
  Torna alla Home page del sitoIscriviti alla nostra newsletter per essere informato sugli aggiornamenti del sitoContattaci       
     

          

     
     

 

FIGURE EQUICOMPOSTE ed EQUISCOMPONIBILI

 

 

Per comprendere  

 

Nella lezione precedente abbiamo appreso che DUE FIGURE PIANE si dicono EQUICOMPOSTE se sono COMPOSTE dallo STESSO NUMERO di PARTI CONGRUENTI.

Abbiamo anche detto che due figure EQUICOMPOSTE, occupano la stessa superficie e quindi sono anche EQUIVALENTI.

Ora osserviamo che, invece, non sempre è vero il contrario. In altre parole due figure che non sono equicomposte potrebbero comunque essere equivalenti.

Ad esempio, un cerchio e un quadrato non possono essere mai scomposti in parti a due a due uguali, però possono avere la stessa area.

 

Ora vediamo come possiamo stabilire se DUE FIGURE PIANE sono EQUIVALENTI.

Un metodo consiste nel cercare di SCOMPORRE le due figure nello STESSO NUMERO di PARTI CONGRUENTI. Se riusciamo in questo tentativo possiamo senz'altro dire che le due figure sono EQUIVALENTI.

 

Esempio.

Figure piane equicomposte ed equivalenti

All'apparenza le due figure sono piuttosto diverse l'una dall'altra, ma esse possono essere scomposte in tre parti tra loro congruenti. Ecco come:

Figure piane equicomposte ed equivalenti

 

Quindi le due figure sono equiscomponibili e, di conseguenza, sono equivalenti.

 

 

Notiamo anche che, se due figure piane sono la SOMMA di PARTI CONGRUENTI esse sono EQUIVALENTI.

Esempio.

Date le due figure A e B riportate sotto, notiamo che esse sono ottenute entrambe come somma di due quadrati e due rettangoli tra loro congruenti:

Figure piane equivalenti

Di conseguenza le due figure A e B sono EQUIVALENTI.

 

 

Può anche accadere che due figure si ottengano TOGLIENDO a due figure CONGRUENTI delle PARTI CONGRUENTI.

 

Esempio.

Consideriamo le due figure C e D riportate sotto:

Figure piane equivalenti

Esse possono essere ottenute da due quadrati congruenti togliendo quattro quadratini congruenti per ogni figura. Vediamo come:

Figure piane equivalenti

Di conseguenza le due figure C e D sono EQUIVALENTI.

 

Quindi possiamo dire che FIGURE che sono la SOMMA o la DIFFERENZA di PARTI RISPETTIVAMENTE CONGRUENTI sono EQUIVALENTI.

 

Lezione precedente - Lezione successiva

Indice argomenti sull'area dei poligoni

 

Per comprendere

Tutte le altre lezioni sull'area dei poligoni

 

 

 

Lezioni, Esercitazioni e Approfondimenti di matematica e geometria

MATEMATICA:

GEOMETRIA:

GEOMETRIA ANALITICA:

 

 

 
 
www.SchedeDiGeografia.net

wwwStoriaFacile.net

www.EconomiAziendale.net

www.DirittoEconomia.net

www.LeMieScienze

www.MarchegianiOnLine.net

 

 

Il significato dei principali simboli usati in matematica e geometria

I nostri ebook

 

 

 

 

 

 

 


 

Ripetizioni on line di Economia Aziendale

 


Altro materiale presente presente su LezioniDiMatematica.net
Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681